Oltraggio ai lavoratori Whirlpool

Lontano dalla nostra realtà locale, in un’altra regione, in una grande e bellissima città ma pur sempre nel nostro Paese, ci sono state scelte non dignitose che non rispettano la figura del lavoratore e dell uomo. Sono scelte aspre, che fanno male, che tradiscono degli onesti operai che hanno dedicato la vita al lavoro. É la realtà della Whirlpool di Napoli, la famosa fabbrica di lavatrici che ha deciso di licenziare più di mille lavoratori negando le promesse di ricollocamento che aveva fatto ai suoi stessi dipendenti, ai sindacati ed al governo. Come definire questo atto se non un “oltraggio”? Non è possibile che nel 2019, in un paese dove valgono i diritti dei lavoratori, del cittadino e dell uomo avvengano tali atti? Il nostro, un paese fondato sulla libertà e sulla democrazia, una repubblica conquistata con il sangue di giovani, non è in grado ad oggi di trovare una soluzione per far rimanere nel nostro paese una multinazionale che ha deciso di distruggere le vite di più di mille famiglie e che imbarazza ancor più la situazione delle industrie nel Sud a discapito delle piccole oneste aziende che cercano di sopravvivere in una realtà difficile. Seppur lontani noi come ANPI di Rozzano esprimiamo il totale supporto ai lavoratori Whirlpool e ci indigniamo per l’inefficienza del nostro stato, che dimostrando la propria incapacità e quindi non rispettando i sacrifici delle persone che lo hanno voluto, getta la spugna al volere del più forte. Non perdete la speranza, contro ogni forma di sopruso noi siamo con voi!

Flavio di A.N.P.I. Rozzano

Precedente Con l'amazzonia brucia il nostro futuro! Successivo Serom in cinq col Belunin