Targa abusiva dedicata a Carlo Borsani, gerarca della Repubblica di Salò

Negli ultimissimi giorni sull’edificio di piazzale Susa, all’angolo con via Giovanni da Milano, è stata posta, abusivamente, senza l’autorizzazione del Comune, un targa dedicata a Carlo Borsani sostenitore del famigerato “Manifesto sulla razza”. Dopo l’8 settembre 1943, Borsani aderì alla Repubblica di Salò, ricoprendo l’incarico di presidente dell’Associazione mutilati e invalidi di guerra e il 23 gennaio 1944 assunse il posto di direttore di un nuovo quotidiano La Repubblica Fascista, una direzione affidatagli direttamente da Mussolini. La targa è firmata “i camerati”, appellativo quest’ultimo, in aperto contrasto con i principi della nostra Carta Costituzionale e con le leggi Scelba e Mancino.
L’ Anpi di Rozzano con tutto il comitato provinciale e l’ anpi di Milano ne richiede l’ immediata rimozione.

Precedente Ciao Comandante. La presidente nazionale Carla Nespolo ci ha lasciati. Successivo Friday for future del 9 ottobre 2020