COMUNICAZIONI AI SOCI DALL’ A.N.P.I.

Caro socio, Cara socia, in questa pagina potrai sempre trovare aggiornate le iniziative e le comunicazioni che ti vengono rivolte dall’A.N.P.I. di Milano, dall’A.N.P.I. della Lombardia e dall’A.N.P.I. Nazionale.
Flavio di A.N.P.I. Rozzano

Comunicazione del 24/02/2020 dall ANPI di Milano

Nella notte tra sabato e domenica è stata vandalizzata la corona dedicata al partigiano Renzo Botta, in viale Montenero 42. La corona è stata fatta a pezzi e scaraventata ai piedi della targa che ricorda il sacrificio del giovanissimo Combattente per la nostra libertà.Renzo Botta era nato a Milano il 19 settembre 1923. Renzo agiva, nel 1944, con altri ragazzi del Fronte della Gioventù, la cui età variava dai 18 ai 22 anni. Il gruppo faceva riferimento a un arsenale di armi e altro materiale costituito, in maniera rudimentale, in un orto di via Pomposa. I giovani, arrestati nel gennaio del 1945 dal Battaglione azzurro, distintosi per la sua ferocia sanguinaria, vengono portati a Palazzo di Giustizia, dove si svolge una delle più tragiche parodie di un procedimento giudiziario. Dopo le udienze i ragazzi vengono affidati agli aguzzini del battaglione che li sottopone a tortura. Nel freddo mattino del 14 gennaio 1945 i ragazzi di via Pomposa: Sergio Bazzoni, Renzo Botta, Arturo Capecchi, Roberto Giardino, Attilio Folli, Giancarlo Serrani, Giuseppe Rossato, Luciano Rossi, Roberto Ricotti vengono portati al Campo Giuriati, dove sono   fucilati dai repubblichini..La vandalizzazione della corona dedicata a Renzo Botta costituisce l’ultimo di una serie di episodi provocatori e oltraggiosi verificatisi nella nostra città. Non è più tollerabile che la memoria di Milano, città democratica e antifascista venga continuamente sfregiata.