Il mondo cambia! Il mondo deve essere salvato!

Oggi è un giorno importantissimo per noi tutti, oggi è il giorno in cui veramente gli uomini si svegliano da quella condizione dormiente che li ha sempre assaliti, e si accorgono di ritrovarsi in una situazione drammaticamente tragica, quasi del tutto irreversibile. Come può l’essere umano, la forma più evoluta (ma forse non la più intelligente) di essere vivente comprendere ed accettare un destino simile? Non gli capacita. Ecco perché oggi, l’Italia tutta, gli studenti, i lavoratori, i liberi professionisti, gli impiegati, i docenti si sono riversati nelle strade, nelle piazze per urlare e manifestare il loro sconcerto e la concreta, ragionevole intenzione di cambiare le cose e salvare il nostro pianeta.

Pure a noi dell’ ANPI sta a cuore questa causa. Noi che costituiamo l’associazione dei Partigiani e di coloro che ne costudiscono la memoria, ci sentiamo obbligati ad avere questa causa cara. Abbiamo lottato (e continuiamo) per una condizione di vita migliore, per la libertà e democrazia ed ora, proprio come nel passato, lottiamo anche per la nostra casa, il nostro mondo; un mondo che deve essere sano, libero e vivibile.

Oggi sono scesi in piazza ben 210 stati della terra, fra cui la nostra Italia. Molti giovani attivisti facenti parte dell’ ANPI di Rozzano si sono mobilitati, con amici e docenti, per far sentire la loro voce. Si è riportata qui con grande piacere e fierezza un’intervista telefonica di una giovane iscritta ed associata, Camilla, che oggi si è recata in manifestazione a Milano:

Cara Camilla, come è andata la manifestazione?

Eravamo tantissimi, soprattutto della nostra scuola ( il liceo classico Tito Livio, dove l’ANPI di Rozzano ha tenuto un comizio), siamo partiti da Via Torino, abbiamo proseguito per Via Dante fino a finire in Via Paolo Sarpi e concludere definitivamente in Piazza del Duomo. Con noi c’erano bambini, persone di mezza età, tutti coloro che hanno a cuore il nostro pianeta e lo vogliono manifestare con questa marcia! Avevamo tanti cartelli fatti a mano, un sacco di cori antipolitici contro le politiche di Trump che ignora la situazione. L’unico evento particolare della manifestazione è stato in Piazza Garibaldi, alcuni ragazzi sono saliti sulla statuta del generale per manifestare e farsi notare dagli altri manifestanti, poiché quello era un punto di ritrovo.

Quanto è importante fare qualcosa e farlo oggi per il pianeta?

Contando che abbiamo tempo fino al 2030 per fare qualcosa, è importantissimo! Il decadimento sarà nel 2050 se non si fa nulla ora: non esistono piani B o altre soluzioni, bisogna agire ora!

Con te c’erano molti associati dell’ANPI di Rozzano?

Sì, Irina, Lavinia, Arianna e tanti altri associati. Sono contenta di essere qui come membro dell’ Anpi, e sono convinta che continuando a farci sentire si possa trovare una soluzione concreta. Conta tantissimo essere anche concreti a livello personale, e non solo in manifestazione. Molte persone non rispettano il riciclo della plastica e buttandola nell’ambiente finisce per infestarlo; questo non deve accadere! Con noi oltre ai nostri compagni di scuola, c’erano anche studenti, professori e responsabili di altre scuole, primarie e secondarie, tutte entusiaste di sostenere la causa! L’unica cosa che posso dire a tutti, come monito di un cambiamento è: DIAMOCI DA FARE ORA, NEL PICCOLO E NEL GRANDE!

Flavio di A.N.P.I. Rozzano con la collaborazione di Camilla R.

Precedente Iscriviti pure tu ! Successivo Pietro Cordoni, l'antifascista di Cascina Ferrabue.