“Non lo avete sconfitto” : Via Rovetta

Il grandissimo Camilleri, in seguito al 25 aprile, lesse un giornale inglese e rimase sorpreso che il giornalista esprimesse la sua sfiducia nella lotta all’antifascismo: “non lo avete sconfitto” si leggeva sull’articolo. “Strano, ma ero io in torto” disse poi l’autore di Montalbano in un’intervista e continuò poi esordendo in “E’ proprio perché ero in torto che si deve continuare questa lotta”.
Alla luce dei fatti accaduti in via Rovetta 6, nella zona 2 di Milano, dove è stata imbrattata con svastiche e simboli delle SS una lapide dedicata a Rinelli Giuseppe, operaio, impegnato nella lotta contro l’oppressione nazifascista; l’ ANPI di Rozzano desidera ricordare le parole di Camilleri come monito per tutti gli antifascisti e soprattutto per i giovani.
Ora più che mai in un clima politico dominato dall’odio, la voce dell’ANPI e di tutti gli antifascisti deve essere forte: non si deve scordare il passato, perché senza di esso non si saprà mai dove si vorrà andare.
Flavio di ANPI Rozzano

Precedente In ricordo dei nostri caduti Successivo Oggi, 50 anni da Piazza Fontana